I termini indispensabili del web marketing

Glossario del Marketing Digitale: i termini che devi conoscere

Il web è un mondo in continua evoluzione, ogni giorno nascono nuovi termini, nuove attività e nuove figure professionali, ed è quindi fondamentale mantenersi costantemente aggiornati soprattutto per poter definire strategie efficaci in questo ambito.

Questo glossario nasce proprio in risposta a questa esigenza e coglie l’occasione per far luce sui termini e sugli acronimi più utilizzati nel web, spiegandoli in parole semplici anche ad un pubblico poco esperto.

Iniziamo, quindi, la nostra carrellata. Pronti? Via!

WEB MARKETING: di tutto un po’

  • Digital Marketing. Il Digital Marketing comprende tutti gli approcci al mercato che prevedono l’utilizzo degli strumenti e dei canali digitali, anche in parallelo con i canali tradizionali. La diffusione delle tecnologie digitali apre a enormi opportunità di sviluppo delle relazioni con il mercato. Ne sono esempio lo sviluppo di nuovi modelli di commercializzazione e di comunicazione (E‐commerce, Mobile Marketing, Social Marketing, etc.) realizzati attraverso l’impiego, anche combinato, di strumenti quali internet, i dispositivi mobili e la tv digitale;

 

  • Viral marketing. Il Viral marketing (o Buzz marketing) è una forma di marketing non convenzionale che reinterpreta in forma moderna una delle più antiche forme di comunicazione: il Passaparola. Si tratta di una forma di comunicazione, realizzata prevalentemente sul web, che fa leva sulla partecipazione attiva degli utenti alla per la diffusione del messaggio. Un virus, ossia un contenuto la cui trasmissione cresce esponenzialmente grazie al suo livello di efficacia e influenza. Le interazioni tra gli utenti stessi sono, in questo caso, fondamentali;

buzz Marketing

  • È l’abbreviazione di web log e indica un sito web autogestito dove vengono pubblicate in tempo reale notizie, informazioni, opinioni o storie di ogni genere, visualizzate in ordine cronologico inverso. Il blog è uno strumento di libera espressione, una via di mezzo tra la homepage personale e il forum di discussione, che tiene traccia degli interventi dei partecipanti. Un blog può essere personale, un diario online costantemente aggiornato che tutti possono leggere, oppure può essere uno spazio sul web attorno al quale si aggregano navigatori che condividono interessi comuni.

 

MOTORI DI RICERCA: gli indispensabili

  • Con il termine keywords (parole chiave) si intende un insieme di termini che gli utenti utilizzano nei motori di ricerca per trovare e consultare i siti web di loro interesse;

 

  • Il termine SERP è l’abbreviazione inglese di Search Engine Results Page, in termini pratici, la pagina dei risultati del motore di ricerca. Con questo termine si indica infatti la pagina a cui si accede su un motore di ricerca dopo una query, cioè dopo avere cercato una determinata parola chiave o frase. Le SERP dei motori di ricerca, ad esempio di Google e Yahoo, possono contenere varie tipologie di risultati: web, video, immagini, notizie, mappe, prodotti, annunci a pagamento;

 

  • Landing page. Pagina web sulla quale viene indirizzato l’utente dopo aver cliccato su un link o un banner. Tecnicamente la landing page non deve necessariamente avere delle differenze rispetto semplici pagine web e può essere una pagina del sito appositamente realizzata, generalmente la continuazione o il prolungamento del messaggio pubblicitario cliccato dall’utente, oppure può trattarsi dell’homepage dell’azienda.

 

MARKETING: operatività e social network

  • Call to Action. Quando parliamo di Call to Action, invitiamo gli utenti ad agire. In termini pratici, quando ci imbattiamo in una CTA siamo di fronte ad un messaggio conclusivo di un’azione di marketing che porta i destinatari a compiere determinate azioni. Ogni website ha una propria CTA principale: dal classico “registrati” a forme sempre più complesse di coinvolgimento degli utenti (sottoscrizione di abbonamenti, download, fino ad arrivare al versamento di donazioni o all’acquisto di prodotti e servizi). Esistono tuttavia ulteriori azioni che rientrano nella definizione di CTA secondaria, quali l’invito alla lettura di un articolo, o più banalmente a seguire un’azienda sui Social o a condividere contenuti sui propri profili Twitter o Facebook: un’azione che richiede all’utente uno sforzo minore, ma non per questo privo di valori;

 

  • Social Advertising (“Social Ads”): si tratta della pubblicità veicolata sui Social Network. Offre la possibilità di mostrare gli annunci solo agli utenti che possono avere un interesse per i prodotti e servizi promossi dall’inserzionista, definendo un target. Abbiamo quindi a che fare con uno strumento di marketing molto preciso e mirato.

 

Siamo giunti alla fine di questa carrellata, una sorta di salvagente per chi non è proprio un esperto di marketing digitale.

Ancora qualche dubbio? Il nostro staff, con la sua competenza, è sempre pronto a guidarti al meglio nel mondo della pubblicità online. Contattaci!

0 comments on “Glossario del Marketing Digitale: i termini che devi conoscereAdd yours →

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>